martedì 18 luglio 2017

E fortuna che erano no-Wachs (o era no-Vax?)

E fortuna che erano no-Wachs: Piazza De Ferrari quattro giorni transennata per la cera dei no-vax.

Wachs in tedesco significa cera. E si pronuncia vax.

Saluti,

Mauro.

8 commenti:

Serena ha detto...

Perlomeno c'è una certa coerenza.

Mauro ha detto...

Però la cera l'hanno portata e lasciata... altro che no-cera...

salvo ruotolo ha detto...

Posso fare un'osservazione, da non genovese, ma che ritiene Genova tra le Città più belle al Mondo?
Chiunque - credo - può rendersi conto di quanto bella sia Piazza De Ferrari, con, tra le altre cose, pavimentazione a bàsoli, mi par di ricordare (e qui, scusate!, chiedo aiuto a Mauro e Serena!).
È insostenibile la tesi - la mia! - secondo la quale, fiaccolate o altre manifestazioni che potrebbero danneggiare una Piazza - lo scioglimento delle candele, come nel nostro caso! -, andrebbero autorizzate altrove. Altrove, nel senso di strade-piazze, non di interesse storico-artistico?

Mauro ha detto...

La pavimentazione di De Ferrari non è uniforme, i basoli sono solo una parte (ridotta dopo gli ultimi restyling), però la piazza rimane bellissima.
Per quanto riguarda Le autorizzazioni... se c'è rischio danneggiamenti non venhono concesse, ma la piazza è il cuore della città, non farvi passare le manifestazioni è un po' silenziarle.
Io temo che gli organizzatori abbiano omesso du citate Le candele nella richiesta di autorizzazione.

Mauro ha detto...

"omesso di citare" 😒

salvo ruotolo ha detto...

@Mauro
Grazie per la notizia sui bàsoli. :)
Quanto a vietare talune manifestazioni, rimango dell'opinione che andrebbe fatto. Il divieto, chiaramente, dovrebbe valere non solo a Genova, ma esteso ad altre Città italiane.
La ragione per la quale chi manifesta chiede vie-piazze principali, mi pare ovvia, oltre che comprensibile ( e sono certo converrai!): avere una vetrina grazie alla quale, il messaggio da veicolare, assuma ben altro rilievo, rispetto a zone periferiche!

lituopadania ha detto...

Ma poi come è finita? Ho fatto qualche ricerca, ma non ho trovato nulla. Le tre domande che mi sono posto sono le seguenti: (a) quanto è costato ripulire la piazza? (b) qual è il nome della ditta specializzata che ha eseguito l'intervento? (c) gli organizzatori hanno pagato per davvero?

Mauro ha detto...

Il nome della ditta lo avevo trovato, ma ora non lo ricordo. Lo ricercherò.
Sulle altre questioni non ho più trovato notizie neanch'io... il che è forse anche una risposta... una risposta che non mi piace.